Home Cloud Cloud Economy: un percorso ancora in salita

Cloud Economy: un percorso ancora in salita

4 minuti di lettura
0
503

Da una stima dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano del giugno 2012, in Italia il Cloud contava il 443 milioni di euro di investimenti di cui 54% attribuibile al Private Cloud. Ad usufruire di questi servizi è soprattutto la grande impresa (67%) e i progetti riguardano principalmente la posta elettronica, i sistemi di unified communication e collaboration, la gestione delle risorse umane, lo scambio documentale e piattaforme di CRM. In questo ambito il tasso di crescita è del 25 per cento anno su anno. A rimanere indietro sono le PMI che costituiscono storicamente il tessuto economico del nostro paese. A confermare questa tendenza è anche una survey condotta da Enter the Cloud fatta partire lo scorso gennaio con 15 domande erogate via e-mail a un campione di 1000 professionisti tra sviluppatori, system administrator, web designer, CIO e CTO su tutto il territorio (Nord/42%, Centro/33%, Sud e Isole/25%).

I risultati non sembrano del tutto incoraggianti. Secondo l’analisi infatti il cloud computing non rientra appieno nelle strategie delle aziende, solo il 28% dei rispondenti ha attuato strategie cloud e le porrà in essere nel 2013. I criteri di scelta sono ispirati dalla possibilità di accesso in remoto alle risorse e dal risparmio sui costi infrastrutturali, mentre sicurezza, privacy, problemi di connettività vengono vissuti ancora come ostacolo. Il 63% dei professionisti IT intervistati è orientato verso il cloud privato. Il 64% dichiara che la propria azienda investirà meno del 5% del budget 2013 per virtualizzazione e cloud computing e quest’ultimo viene associato ancora allo storage di file e documenti. Emerge poi che sulla nuvola prevalgono i servizi: il Software as a Service è la modalità di approccio al cloud computing scelta dalla maggior parte dei cloud-user, dei rispondenti che hanno dichiarato di avere strategie per il 2013 e da quelli che dichiarano di essere in una fase di scelta (43%). Il 35% di questi, invece, utilizza il cloud infrastrutturale (IaaS), probabilmente per sfruttarne prestazioni, flessibilità e scalabilità. Solo il 22% afferma di utilizzare il cloud computing come piattaforma di elaborazione (PaaS). Per il 66% dei professionisti sembra importante scegliere dei cloud provider “made in Italy” con server situati su territorio nazionale. Questa propensione è probabilmente attribuibile all’aspetto legale: i server situati in Italia sono sottoposti a legislazione nazionale e comunitaria e non devono sottostare alle politiche di sicurezza e privacy imposte da altri continenti. Questa indagine sottolinea come in Italia ci sia ancora bisogno di un’alfabetizzazione. Un percorso ancora tutto in salita.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Cloud

Leggi anche

Improving Productivity. Come facciamo?

Improving Productivity. Come facciamo? Abbiamo detto nei precedenti articoli che è importa…