Home Internet & Social Network Aziende italiane, piatto ricco per i cyber criminali

Aziende italiane, piatto ricco per i cyber criminali

2 minuti di lettura
0
671

Il mercato italiano è nel centro del mirino dei cyber criminali. La stima dei furti ai danni delle aziende nostrane, infatti, tocca cifre pari a 200 milioni di euro.  Lo ha reso noto la multinazionale israeliana Maglan Information Defense & Intelligence in occasione della Conferenza Annuale sulla Cyber Warfare, giunta alla sua quarta edizione.

Le intrusioni da parte dei criminali del web crescono e lievitano, fino a raddoppiare il loro valore rispetto a quello registrato nel corso del 2012.

Allarme rosso per il Bel Paese dunque, che nel corso del primo trimestre 2013 ha visto crescere la percentuale di intrusioni ai siti, a banche dati e account di posta, del 57,2% rispetto al 2012. Un’offensiva che, stando alle previsioni di Maglan, è destinata a lievitare tristemente nel corso del 2013, ingrossando sempre di più le tasche dei cyber criminali. Con base prevalentemente in Europa dell’Est, le azioni di clandestine avrebbero trovato nel Bel Paese la vittima perfetta: “Circa il 40 per cento delle aziende italiane che è a conoscenza dei rischi concreti legati al cyberspionaggio industriale non si tutela preventivamente per motivi economici, ma anche perché non si rende conto della reale portata dei danni che un attacco può generare” ha puntualizzato l’amministratore delegato della divisione europea di Maglan Paolo Lezzi, che ha concluso lanciando la sfida alle imprese: “serve un cambiamento di mentalità da parte degli addetti all’IT. La sicurezza informatica va ora intesa come parte integrante ai sistemi di gestione informazione, dall’utente privato alle grandi aziende”.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Internet & Social Network

Leggi anche

Identity Protection. Easy with okta!

Identity Protection. Easy with okta! Okta consente di gestire questi casi tramite l’…