Home Reti & Mobile Ransomware. Perché ha successo?

Ransomware. Perché ha successo?

3 minuti di lettura
0
93
Canale Sicurezza - Ransomware.

Ransomware. Perchè un attacco ha successo?

Un nuovo e pesante attacco ransomware è avvenuto nei giorni scorsi. Inizialmente pensato per essere diffuso solo in Europa e Asia, ha iniziato a diffondersi anche in Nord America e Australia. La stazione televisiva locale di Pittsburgh ha confermato che gli ospedali di Heritage Valley Health System sono stati colpiti. Fortunatamente non sono stati rilevati danni ingenti ma solo alcune anomalie nel settore delle prenotazioni per gli interventi. Anche diverse aziende sempre negli USA sono state colpite. Il virus di veloce diffusione chiamato Petya è un ceppo del malware WannaCry, quello che ha colpito centinaia di migliaia di persone provenienti da tutto il mondo nel mese di maggio. Nessuno ha rivendicato la responsabilità per l’attacco, tuttavia, diverse fonti indicano la Russia come presunto paese di origine.

Cosa fare se sei stato “contagiato”

Ransomware. La prima cosa che consigliamo di fare è non pagare il riscatto, serve solo ad incoraggiare gli hackers nella loro azione criminosa. Pagando, probabilmente non riavrete indietro i vostri files e i cyber criminals potrebbero continuare a chiedere soldi. Non fatevi trovare impreparati e fate un backup frequente dei vostri dati.

Come evitare di diventare una vittima?

Prima di tutto mantieni sempre aggiornato il tuo sistema operativo: il SO non aggiornato è una delle cause più frequenti che espongono l’utente agli attacchi degli hackers. Molte aziende non effettuano gli aggiornamenti a causa dei tempi di inattività che questi provocano ma… non è una buona scusa. Un’altra cosa da fare con qualunque dispositivo è evitare di navigare su internet se non si ha un buon software antivirus installato.

La sicurezza tua, dei tuoi dati e della tua attività è al primo posto. Panda Security’s Panda Protection è uno dei pochi prodotti software antivirus presenti sul mercato che è riuscito a rilevare e mettere in quarantena il virus prima che questo riuscisse a infettare i file. Se ti interessa avere maggiori informazioni sui prodotti Panda Security consulta il nostro sito web nella sezione dedicata http://www.bludis.it/panda/ oppure contatta i nostri specialisti sulla sicurezza e scegli con loro la soluzione più adatta alle tue esigenze. Chiamaci allo 0643230077 oppure invia una e-mail a sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Mobile Banking. Usarlo in modo sicuro.

Mobile Banking. Usarlo in modo sicuro. Il modo in cui svolgiamo le nostre operazioni banca…