Digiway, Msp enterprise per le piccole e medie imprese

Vittorio Orefice CEO di DigiwayUna protezione di classe enterprise disponibile per un’azienda tipo di dieci utenze: è quanto offre oggi sul mercato della sicurezza informatica Digiway, reseller a valore aggiunto partner di Bludis e certificato sulle soluzioni infrastrutturali di Kaspersky Lab.

 Il Var, localizzato ad Abbiategrasso, in provincia di Milano, e operativo su un portfolio clienti che spazia dalle piccole fino alle medie imprese, con nomi tra cui Rhea Vendors Group, è infatti specializzato nella fornitura agli utenti dei servizi di Msp (Managed service provider) relativi alle diverse appliance del famoso vendor russo.

Il vantaggio esclusivo del delivering in modalità Msp è la possibilità, per il cliente, di usufruire di un servizio di classe enterprise indipendentemente dalle dimensioni dell’impresa: che sia grande o piccolo, il nostro utente gode del più alto livello di protezione informatica senza alcun onere operativo” spiega Vittorio Orefice, CEO di Digiway.

Già, perché la gestione dei server su cui gira la soluzione è demandata a Digiway stessa, che se ne occupa localmente, mentre l’utente fruisce dei correlati servizi come client.

In sostanza, i clienti impostano le rispettive attività lavorative con la assoluta garanzia di sicurezza circa la protezione degli asset strategici, dal momento che possono agire in completa tranquillità, come se disponessero di un sistemista interno” prosegue Orefice.

I servizi di Msp, in particolare, sono applicati all’intero portfolio small-medium business di Kaspersky, e comprendono le suite Kaspersky Endpoint Security for Business e Mobile.

D’altra parte, il costo di manutenzione, calcolato sulla corresponsione di un canone periodico, potrebbe rappresentare un ostacolo all’adozione di una soluzione che pure promette di risolvere molti dei più comuni problemi di sicurezza che affliggono le Pmi italiane.

Ma anche su questo fronte Digiway ha la risposta: “Di certo il costo di un’offerta Msp è superiore a quello di un pacchetto tecnologico tradizionale – specifica Orefice – Tuttavia va considerato che i benefici ricavabili dal singolo utente sono proporzionalmente maggiori al prezzo che noi richiediamo e, soprattutto, il costo complessivo risulta spalmato sulla totalità della clientela da noi servita”.

Economie di scala e rapido ritorno dell’investimento, dunque, che risultano ulteriormente rafforzati dalla flessibilità offerta dai servizi di finanziamento e leasing messa a disposizione dalla società partner Grenke. “Si tratta di un importante aiuto per la nostra attività di procacciamento e gestione clienti, il cui valore più forte è probabilmente l’azione cuscinetto svolta in termini di tempistiche e modalità dei pagamenti” osserva Orefice.

Poi, naturalmente, il valore aggiunto di Bludis, giorno per giorno vicina ai propri reseller nella gestione delle sfide poste dal Msp e dal variegato mondo della sicurezza.

Nell’attuale organizzazione dell’offerta informatica Bludis è una delle poche aziende in Italia che meglio sa interpretare il ruolo del distributore a valore aggiunto. L’apporto del personale marketing e tecnico abbraccia infatti tutti gli aspetti relativi alle operazioni di acquisizione e gestione di un cliente, e può essere definito come capacità rara di imbastire un rapporto di collaborazione di tipo umano, preoccupato anzitutto di rappresentare le nostre istanze presso l’offerta dei vendor e di fornire risoluzioni rapide alle problematiche che periodicamente sottoponiamo, grazie all’esperienza e alle casistiche accumulate” conclude Orefice.

 

Tags: , ,

 
 

About the author

segui bludis su Google

More posts by | Visit the site of Redazione