Home HOME Whatsapp è alla mercè degli hacker

Whatsapp è alla mercè degli hacker

2 minuti di lettura
0
657

C’è anche il contributo di uno scienziato italiano nella scoperta, annunciata nelle ultime ore, di pericolose vulnerabilità che affliggono il sistema di messaggistica istantanea di Whatsapp. E che scienziato: Roberto Paleari infatti è una personalità che gode di fama mondiale, soprattutto per via delle numerose competizioni internazionali cui ha partecipato e che ha anche vinto, come la gara di sicurezza DefCon.

Ebbene il ricercatore informatico, insieme ai colleghi del Politecnico di Milano, è tra i primi ad aver individuato e documentato tutte le falle nel sistema di crittografia dell’applicazione di chat più famosa al mondo, che al momento ha all’attivo 25 miliardi di messaggi scambiati al giorno. Tuttavia Whatsapp non è sicura.  Non solo perché fino a poco tempo fa la soluzione lavorava in chiaro e quindi rendeva praticamente trasparenti tutte le comunicazioni scambiate, ma anche perché gli stessi server su cui l’applicazione poggia non sono certo campioni di sicurezza.  Anzi. I bug rilevati sarebbero tali da permettere anche a un hacker poco esperto di appropriarsi di un account e da inviare da quest’ultimo messaggi fasulli.  Sulla medesima falsariga, una specifica funzione per sviluppatori sarebbe tanto debole da consentire a chiunque la sottrazione delle password dagli smartphone.  E non finisce qui: essendo organizzati in maniera centralizzata, i server sono comunque soggetti all’intercettazione da parte delle grandi multinazionali e dei Governi. L’ombra del Grande Fratello, insomma, si allunga: sicuri oppure no.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in HOME

Leggi anche

Identity Protection. Easy with okta!

Identity Protection. Easy with okta! Okta consente di gestire questi casi tramite l’…