Home Reti & Mobile Ransomware Ready. Sei sicuro?

Ransomware Ready. Sei sicuro?

5 minuti di lettura
0
174
Ransomware Ready.

Ransomware Ready. Sei sicuro?

Sei sicuro di essere Ransomware Ready? Questa preoccupazione è comune a molti responsabili della sicurezza IT. La minaccia è tangibil, reale e immediata. I danni da ransomware dovrebbero superare i 20 miliardi di dollari entro la fine dell’anno (Cybersecurity Ventures, 2021) e il costo medio per riprendersi da un attacco ransomware stimato in 1,85 milioni di dollari (Varonis 2021). La posta in gioco ha raggiunto un punto critico e nessuna azienda, non importa quanto grande o piccola, può sperare di uscirne illesa senza affrontare la minaccia frontalmente.

Ransomware Ready. Le verifiche.

Verifica il lavoro del tuo team di sicurezza. Usa un pen tester di terze parti per testare la sicurezza dei tuoi sistemi e la tua capacità di difenderti da un attacco sofisticato. Di fronte all’aumento delle minacce ransomware, le aziende si affrettano ad aggiungere ulteriori strumenti di sicurezza in un inseguimento senza fine. Di conseguenza, tendono a trascurare le basi: convalidare l’efficacia delle loro soluzioni di sicurezza esistenti. Convalidare la protezione degli endpoint e l’implementazione di successo di altre soluzioni di prevenzione e rilevamento non è semplicemente questione di rivedere le configurazioni, aderire alle best practice e affidarsi a forze superiori. Non si sa dove si nascondono i punti deboli a meno che tu non li cerchi attivamente e aggressivamente. Devi sapere ciò che non sai e smettere di accettare l’anello più debole.

Ransomware Ready. Come e Perché.

Per avvalorare la tua capacità di difenderti dagli ultimi attacchi ransomware, esegui test ed emulazione. L’esecuzione di test continui e automatizzati di scenari di attacco il più vicino possibile ai vettori di attacco reali è il modo in cui puoi verificare la capacità complessiva di rilevare e prevenire tali attacchi prima che tocchi l’avversario. Sfidare l’intero stack di sicurezza è il modo in cui puoi garantire che EDR, NDR, SIEM, SOAR, DLP, WAF, FW e qualsiasi altro servizio di sicurezza siano efficaci e configurati correttamente.

Ransomware Ready. Pentera.

Va da sé che tali verifiche devono procedere in maniera sicura e controllata, senza intralciare la continuità aziendale e senza interrompere l’operatività. Senza convalida, la spesa per la sicurezza può sembrare un pozzo senza fondo, sempre sull’orlo di una spirale fuori controllo con rendimenti decrescenti. Il risultato? Dopo tutto questo sforzo di spesa e ridimensionamento, sei tornato al punto di partenza, ancora chiedendoti “Sono pronto per il ransomware?”. Acquisire fiducia nella propria resilienza informatica. Significa che è ora di iniziare a emulare attacchi ransomware reali nella rete aziendale e convalidare i controlli di sicurezza. Prevenzione e il rilevamento da soli possono arrivare fino a un certo punto. È ora di spostare l’attenzione dalla costruzione di muri più alti al blocco degli attaccanti una volta che si sono fatti strada all’interno.

Per avere maggiori informazioni sulla soluzione Pentera consulta la pagina https://www.bludis.it/p/pentera oppure contatta gli specialisti di Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it per sapere se la tua azienda è “Ransomware Ready”.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

White Rabbit. Nuove grane per i CISO!

White Rabbit. Nuove grane per i CISO! Mai come in questo momento, gli attacchi ransomware …