Home Internet & Social Network Oriente: questione di controlli incrociati

Oriente: questione di controlli incrociati

3 minuti di lettura
0
683

L’emancipazione e l’affermazione passa anche dalla tecnologia. Per anni siamo stati abituati a considerare alcuni paesi orientali, soprattutto Cina e Corea, per le loro fabbriche, per le catene di montaggio degli operai, per la produzione di telefonini, televisori e frigoriferi. Oggi, a parte le questioni legate alla politica internazionale, della difesa dei diritti umani e al controllo dell’import-export, le pagine di cronaca si riempiono anche di altri contenuti. Il mondo occidentale continua a riportare notizie allarmanti che riguardano attacchi cybercriminali per mano dell’Oriente.

L’ultima in ordine cronologico riguarda l’oscuramento di tre principali canali televisivi Kbs, Mbc e Ytn e di due importanti istituti bancari Shinhan e Nonghyu in Sud Corea. Sembra che dietro questa azione ci possa essere un nuovo movimento che si fa chiamare “Whois Team”. Il sospetto è caduto anche sull’ipotesi che l’attacco provenisse dalla Corea del Nord anche se gli investigatori non hanno prove. Ma le questione sembra molto più complicata poiché anche Pyongyang denuncia di aver subito attacchi informatici di grande entità nelle settimane scorse e accusa Seul e Washington.

La situazione generale viene ulteriormente scaldata dall’ultima pensata dei cinesi che attraverso l’uso dei una lista di 2.000 parole sulla chat del “loro” Skype, si innesca in automatico il controllo da parte del governo. Già, il “loro”, poiché in Cina si usa un servizio modificato nel rispetto dei dettami del regime gestito dall’azienda TOM Online (legata alla cinese TOM Group) che, dietro concessione di Skype, può accedere direttamente al codice sorgente del programma, per apporre tutti cambiamenti in linea con le regole della rete internet cinese. Questo era l’obiettivo e non quello di inserire una black list per il tracciamento delle comunicazioni testuali. Così facendo di fatto ogni persona nel mondo può essere controllata, basta che un cinese intrattenga una conversazione in chat con un americano nella quale scappa la parolina sbagliata.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Internet & Social Network

Leggi anche

Identity Protection. Easy with okta!

Identity Protection. Easy with okta! Okta consente di gestire questi casi tramite l’…