Home Reti & Mobile Network access control, le best practices per una sicurezza completa

Network access control, le best practices per una sicurezza completa

6 minuti di lettura
0
494
network access control best practices

Sancito che il controllo degli accessi è il modo più efficace e adattabile per proteggere una rete LAN e bloccare sul nascere delle pericolose intrusioni, arriva il momento di adottare un sistema di Network Access Control (NAC). 

Quali sono, dunque, le network access control best practices da seguire, quando si tratta di integrare una soluzione di questo tipo nella propria infrastruttura? 

 

Scegliere la soluzione NAC ideale è la prima e più importante tra le network access control best practices da considerare.  

macmon NAC, per esempio, presenta diversi vantaggi, come la semplicità d’installazione, la scalabilità e la capacità di integrarsi alla perfezione in qualsiasi tipo di rete.  

 

Inoltre, macmon NAC dispone di un’avanzata tecnologia di topology mapping, capace di restituire un preciso assessment della rete. Si tratta di un processo di controllo preliminare in grado di evidenziare le principali vulnerabilità del sistema, il che permette, di conseguenza, di procedere con l’isolamento delle zone compromesse 

 

La fase di assessmentparte fondamentale delle network access control best practice, serve soprattutto a generare una baseline: una configurazione-tipo che agevola l’individuazione di anomalie nelle fasi successive. Solo partendo da una corretta fase di baseline, è possibile calibrare il sistema di notifiche dei nuovi dispositivi connessi. 

 

Opzioni di configurazione 

 

Mai come nel caso di un sistema di network access control occorre che la configurazione tenga conto delle specifiche necessità della rete in cui viene installato. In tal senso, è di cruciale importanza affidarsi a un NAC che metta a disposizione diverse opzioni.  

 

macmon NAC offre molteplici alternative, grazie anche ad un’interfaccia di facile utilizzo; offre, inoltre, sia la possibilità di affidarsi a impostazioni predefinite, valide nella maggior parte dei casi, sia di puntare a una configurazione personalizzata.   

macmon NAC dispone anche di una configurazione a gruppi, in modo da stabilire diversi livelli di sicurezza con livelli di autenticazione. Il tutto, volendo, in rapporto all’utilizzo del protocollo 802.11X, con o senza certificato, utilizzando una modalità basata sul SNMP o su server RADIUS. 

 

Configurare il controllo degli accessi 

 

Relativamente alle network access control best practice, la parte cruciale è costituita, quindi, dalla fase di configurazione del controllo degli accessi. Una fase che macmon NAC riesce ad automatizzare quasi interamente e, nei casi specifici, a personalizzare in modo granulare: è questo il segreto di una perfetta integrazione tra macmon NAC e l’infrastruttura dove viene configurato.  

 

macmon NAC considera, in particolare, la configurazione e il controllo degli accessi guest, una delle migliori forme di protezione di una rete.  

La soluzione arriva a un livello di gestione del singolo dispositivo, che si tratti di quello di accesso di un utente o di uno switch, con la possibilità di agire su ogni parametro al fine di consentire o bloccare l’accesso. Sarà poi demandato all’analisi di log e report il compito di regolare più finemente le impostazioni. L’integrazione di un NAC, infatti, non è che l’inizio di un percorso: occorre imparare a sfruttare le opzioni di reportistica per verificare la buona funzionalità della tecnologia e, soprattutto, adattarla in modo tempestivo ad aggiornamenti e ampliamenti del sistema. 

 

Non sottovalutare la formazione 

 

Benché soluzioni come macmon NAC siano caratterizzate da una grande semplicità d’utilizzo, l’approccio a queste tecnologie richiede una fase di formazione teorica e pratica del personaleun aspetto da non trascurare tra le network access control best practicesEd è per questo che macmon offre supporto nella formazione su diversi livelli, in base alle diverse richieste e necessità dei collaboratori. 

 

Documentazione approfondita, webinar di qualità e corsi full-immersion della durata di tre giorni, sono solo alcuni dei servizi aggiuntivi a disposizione di coloro che scelgono macmon NAC e vogliono sfruttare al massimo il proprio investimentoOltre al supporto costante di Bludisdistributore esclusivo della soluzione in Italia. 

Guida-Network-Access-Control

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
  • Talk to Bludis!

    Talk to Bludis!

    Parlaci, esplora le nostre soluzioni, scoprici da vicino. Perché partecipare Perché non è …
  • Malicious activity.

    Malicious activity. Fattori influenzanti.

    Malicious activity. Fattori influenzanti. Ci sono quattro fattori che possono influenzare …
  • Malicious Insiders.

    Malicious Insiders. Portrait of…

    Malicious Insiders. Portrait of… Mentre le aziende spendono una buona quantità di denaro p…
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Customer Identity Access Management, perché scegliere Okta

Dal punto di vista aziendale, quando si adotta una tecnologia di accesso per un servizio w…