Home Reti & Mobile Il nome della rete wireless? Meglio se molto creativo

Il nome della rete wireless? Meglio se molto creativo

2 minuti di lettura
0
325

Quando diamo un nome alla rete wireless sia essa dell’azienda o di casa nostra, quante informazioni stiamo comunicando all’esterno? Quante volte per comodità la chiamiamo per esempio “Albergo Miramare”, “Famiglia Rossi” o “Azienda Tessile Scaligera” per essere immediatamente riconoscibile da un ospite, da un cliente o da uno stesso dipendente che ne vuole usufruire?

E se il nome contenesse qualcosa di utile agli hacker per scovare la password d’ingresso? Ecco che la selezione del SSID – Service Set Identifier, così è tecnicamente definito il nome di una rete locale wireless (WLAN) – non è banale per la sicurezza del mezzo. Che fare allora? La prima cosa da evitare è quella di utilizzare il nome predefinito (SSID standard) come quello di fabbrica o di pescare proprio nella lista dei Top 1000 SSID più comuni. In questo ultimo caso è certo che le password sono già state “crackate”. Altro errore comune tra gli utenti domestici è quello di usare il cognome o l’indirizzo di casa così se l’hacker di condominio cerca una Wi-Fi alla quale attaccarsi e trova “Casa Brambilla” come nome della rete, può provare ad inserire come parola d’accesso  “Molly” o “Marco”, rispettivamente cane e figlio dei Signori Brambilla . Dunque è fondamentale essere creativi nella scelta di un nome che deve essere più univoco possibile spalmato su 32 caratteri alfanumerici con maiuscole e minuscole. Ma ci si può sbizzarrire anche con la password che può contenere fino a 63 caratteri. Per le aziende poi è importante più che mai selezionare la crittografia WPA2, l’algoritmo di sicurezza più aggiornato, durante la fase di configurazione della rete.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Ekran System. Cybersecurity Excellence Awards.

Ekran System. Cybersecurity Excellence Awards. Bludis da oltre 20 anni si occupa della Dis…