Home Reti & Mobile Pubblica Amministrazione a rischio – Seconda Puntata

Pubblica Amministrazione a rischio – Seconda Puntata

3 minuti di lettura
0
210
Canale Sicurezza - Panda Security Days

Pubblica Amministrazione a rischio privacy

Poco prima delle elezioni americane, l’FBI ha confermato l’hacking di almeno due banche dati elettorali da parte di hacker stranieri che hanno sottratto le informazioni degli elettori da almeno un database. C’è un’indagine in corso e, ancora una volta, gli indirizzi IP individuati provengono dalla russia. Coincidenza?

Come adattarsi ai cambiamenti?

L’emergere di nuovi players con differenti provenienze e motivazioni in abbinamento alle loro capacità di agire in ogni ambito della sicurezza, ostacola l’identificazione degli hacker e diminuisce la capacità dei paesi di rispondere in modo adeguato alle minacce. L’attuale legislazione non è adeguata al nuovo cyber-crimine dinamico o alle nuove esigenze tecnologiche e di gestione dei dati. Per evitare nuovi attacchi contro gli enti pubblici, è necessario un quadro normativo e legislativo comune, con responsabilità condivise tra gli Stati. Un esempio è il nuovo quadro normativo approvato nell’UE nel 2016.

Per le istituzioni pubbliche, il successo nel garantire la sicurezza informatica, si trova con rispetto di determinati requisiti:

  • Avere informazioni in tempo reale sugli incidents e falle di sicurezza relative alla sicurezza dei dati, come ad esempio la distruzione accidentale o illegale, la perdita, la modifica, la rivelazione non autorizzata o trasferimento a distanza dei dati.
  • La conformità con l’articolo 35 del “regolamento sulla protezione dei dati generali” sulla protezione dei dati con un monitoraggio regolare e sistematico dei dati su larga scala.
  • Segnalare tutti i possibili trasferimenti di file di dati a paesi esteri.
  • Migliorare i diritti individuali, compreso il diritto di essere dimenticati, e la portabilità dei dati in tutti i file di dati condivisi.

A tal fine, l’implementazione di tecnologie avanzate come Adaptive Defense 360, come complemento alle soluzioni antivirus tradizionali o di sicurezza perimetrale, garantisce la conformità con le linee guida ed i requisiti tecnici richiesti. Adaptive Defense offre garanzia contro le minacce avanzate e attacchi mirati. I prodotti Panda Security sono distribuita da Bludis: http://www.bludis.it/prodotti/panda

Se hai necessità di avere maggiori informazioni, contatta i nostri specialisti di prodotto telefonicamente allo 0643230077 o via e-mail su sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

RCE Attacks. Come difenderci.

RCE Attacks. Le vulnerabilità di Microsoft. Lo scorso anno sono state scoperte in media 45…