Home Internet & Social Network Lo spam ti fa ricco

Lo spam ti fa ricco

2 minuti di lettura
0
120

Le casse del mercato dello spam si ingrossano sempre di più. Sembra difficile crederlo, ma secondo i due ricercatori italiani Andrea Stroppa e Carlo De Micheli le attività di diffusione di pubblicità spam sui social network oggi vantano cifre di guadagno pari ai 200 milioni di dollari annui.

Uno schiaffo alla legalità, insomma, che non passa certo inosservato, un’attività che non richiede particolari e sofisticati stratagemmi tecnologici o specifiche e approfondite competenze informatiche. Secondo i due studiosi, infatti, per mettersi in tasca cifre da urlo basta postare spam su Facebook. Insomma, invadere le bacheche degli utenti del social di messaggi indesiderati sembra oggi essere mestiere poco impegnativo e molto remunerativo. A quanto pare i guadagni variano dai 13 dollari a post quando si tratta di bacheche di pagine con numero di fan intorno ai 30.000 e i 58 dollari riconosciuti per l’attività di spam su bacheche di pagine con 100.000 fan. Una pratica che sta diventando una professione. Lo affermano i due ricercatori che hanno spiegato: “Spesso gli spammer iniziano allestendo una propria fan page, che cercano di popolare di iscritti, e una volta ottenuti abbastanza like, iniziano a vendere a terze parti la possibilità di inserire link sulla pagina”. Il particolare curioso della faccenda? Per accorciare e celare la vera identità dei link, che conducono spesso l’utente su siti di e-commerce, gli spammer si servono di servizi legali come Bit.ly e Tinyurl.com.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Internet & Social Network

Leggi anche

Data Exfiltration. Combatterla con ObserveIT.

Data Exfiltration. Combatterla con ObserveIT. Recentemente, la NSA ha scoperto che uno dei…