Home Reti & Mobile Malware in calo ma più attacchi avanzati!

Malware in calo ma più attacchi avanzati!

6 minuti di lettura
0
369
Canale Sicurezza - panda security

La diminuzione dei nuovi malware e l’incremento nella professionalità degli attacchi informatici saranno gli argomenti principale della cybersecurity per il 2017 secondo una indagine di PandaLabs. La maggior parte degli attacchi saranno legati ai ransomware e per le aziende ci sarà un notevole incremento di tentativi di intrusione. Sicurezza informatica: ci lasciamo alle spalle un anno ricco di attacchi di alto profilo che hanno messo seriamente a rischio dati e privacy di aziende e utenti privati: attacchi ransomware da Petya, Trojans come Gugi per Android, lo spyware Pegasus, PunkeyPOS, attacchi su larga scala ai terminali dei punti vendita e le recenti DDoS (Distributed Denial of Service) attacchi che hanno colpito le grandi organizzazioni e reti di comunicazione internazionali.

Noi classifichiamo gli attacchi più popolari dell’anno, analizzando la loro evoluzione e facciamo un’analisi delle minacce che il 2017 ha in serbo:

Cybercrime

I criminali informatici concentrano i loro sforzi su quegli attacchi che gli portano il massimo profitto utilizzando tecniche sempre più efficaci e professionali con l’obiettivo di guadagnare soldi sempre più velocemente.

Ransomware

Questo “cavallo di Trojan” sarà il protagonista in materia di sicurezza informatica e metterà a dura prova gli attacchi tradizionali basati sul furto dei dati. La ricerca del profitto è la motivazione primaria dei criminali informatici, e il ransomware è il modo più semplice ed efficace per raggiungere questo obiettivo. Alcune cose non cambieranno mai: le vittime di questa tipologia di attacchi dovranno decidere se pagare o meno per recuperare i loro dati. Panda Security, ci tiene a ricordare che pagare il riscatto non garantisce il recupero totale di quanto è stato rubato.

Aziende

Il numero di attacchi diretti alle aziende aumenterà così come il livello di perfezionamento. Le aziende sono già il primo obiettivo dei criminali informatici, i dati in esse contenuti sono molto più preziosi di quelli degli utenti privati.

Internet of Things (IoT)

Il prossimo incubo per la cybersecurity. La rivoluzione tecnologica ha inaugurato la completa integrazione dei più piccoli dispositivi nella rete che possono essere convertiti in ingressi nelle reti aziendali.

Attacchi DDoS

Negli ultimi mesi del 2016 ci sono stati i più potenti attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) della storia. Sono stati messi in pratica da bot networks che hanno sfruttato centinaia di oggetti coinvolti nel mondo IoT (IP cam, router, etc.). Il 2017 vedrà un notevole incremento di questa tipologia di attacchi generalmente utilizzati per ricattare le aziende e danneggiare i loro affari (bloccando gli accessi web, lo shopping on line, i servizi di pagamento, etc.).

Telefonia Mobile

Concentrandosi su un singolo sistema operativo, è più facile per gli hacker fissare un target con la massima diffusione e redditività.

Cyberwar

La situazione precaria per quanto riguarda le relazioni internazionali può avere enormi – e gravi – conseguenze nel campo della sicurezza informatica. I governi vorranno accesso a ulteriori informazioni (in un momento in cui la crittografia sta diventando sempre più popolare), e le agenzie di intelligence saranno ancora più interessate a ottenere informazioni che potrebbero portare beneficio all’industria dei loro paesi. Una situazione di questo genere potrebbe essere un ostacolo alle molteplici iniziative di condivisione dei dati che stanno prendendo piede.

I prodotti Panda Security sono distribuiti da Bludis, distributore di soluzioni a valore aggiunto per il mondo dell’IT. Se sei interessato ad aver maggiori informazioni su come proteggere i tuoi dati, contatta i nostri specialisti di prodotto allo 0643230077 o via e-mail su sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

RCE. Nuove Vulnerabilità.

RCE. Nuove Vulnerabilità. Il 23 marzo Microsoft ha annunciato di aver scoperto due vulnera…