Home Internet & Social Network L’Ue annulla Safe Harbour

L’Ue annulla Safe Harbour

3 minuti di lettura
0
819

Privacy sì, privacy no.

Ecco il dilemma che promette di infiammare le discussioni sul cyber spazio nel 2016. Già, perché la decisione annunciata qualche giorno fa da Microsoft di aprire un nuovo data center in Europa sotto la stretta sorveglianza di Deutsche Telekom non resterà senza conseguenze. Almeno a livello legislativo: tutto, in fondo, ha preso le mosse dalla legge. Il 6 ottobre scorso, infatti, la Corte Europea di Giustizia ha dichiarato illegittima la Safe Harbour; la norma, da quindici anni, stabiliva che il territorio degli Stati Uniti rappresentava un approdo sicuro per i dati digitali dei cittadini Ue.

Evidentemente, le vicende legate agli sviluppi scandalosi del caso Datagate hanno dimostrato che Oltreoceano la cultura della privacy non è poi così intoccabile. Così, in attesa della definizione di un nuovo quadro normativo, liberi tutti. E i big dell’It non si sono fatti attendere.

L’annuncio di Microsoft, che ha “sdoganato” nuovi data center in Germania, potrebbe essere seguito a breve da analoghe iniziative da parte dei rivali Facebook, Google, Amazon e Apple.

Ma se il baluardo a stelle e strisce per la tutela della riservatezza viene rapidamente a cadere, cosa resta delle nostre certezze a proposito del giusto corso di una vita online?

Ѐ sufficiente, nel caso di Microsoft, la garanzia di trasparenza nella gestione e di sorveglianza nei fatti offerta da Deutsche Telekom? O forse che, in questa maniera, l’unico effetto è un aumentato rischio di spionaggio?

L’ad di Microsoft, Satya Nadella, ha recentemente dichiarato che la mossa della corporation va in senso contrario; serve, cioè, a riguadagnare la fiducia dei consumatori, supportato dal direttore degli affari legali italiani, Biance Del Genio, che ha specificato come quello di Deutsche Telekom sia appunto un ruolo di garanzia.

A simili dichiarazioni, tuttavia, è difficile credere senza riserva. Anche la Nsa ci rassicurava. Fino alle rivelazioni di Edward Snowden

  • Canale Sicurezza - mediaprojection

    MediaProjection, attacco Android

    MediaProjection è la più recente minaccia che mette a rischio la privacy degli utenti Goog…
  • Canale Sicurezza - Data retention

    Data retention, sale a sei anni

    La Camera dei deputati ha approvato in via definitiva un’importante norma, già contenuta n…
  • Canale Sicurezza - twitter

    Twitter, campagna per la privacy

    Twitter ha introdotto nuovi filtri specifici per scongiurare i troll. L’azienda infatti, p…
Altri articoli correlati
  • Macmon EDU.

    Macmon EDU. Le news!

    Macmon EDU. Le news! Ogni settore ha caratteristiche ed esigenze specifiche. Uno di quelli…
  • ISP.

    ISP. Perché averla.

    ISP. Perché averla. Deve essere efficace. Una politica di sicurezza delle informazioni dev…
  • WiFi.

    WiFi. Attack Surface.

    WiFi. Attack Surface. Gran parte delle risorse di un’azienda sono connesse a reti Wi…
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Internet & Social Network

Leggi anche

Macmon EDU. Le news!

Macmon EDU. Le news! Ogni settore ha caratteristiche ed esigenze specifiche. Uno di quelli…