Home Reti & Mobile Italiani popolo di santi, navigatori, poeti e di spammati

Italiani popolo di santi, navigatori, poeti e di spammati

2 minuti di lettura
0
610

L’Italia è uno dei paesi più colpiti dalle e-mail spazzatura con una crescita del fenomeno che passa dal 9,4% al 14,4% nel febbraio scorso. Questo dato emerge dall’analisi di Kaspersky Lab che ha rilevato un’intensificazione delle attività nell’ultimo periodo. Gli  Stati Uniti detengono lo scettro, mentre la Cina si attesta al secondo posto della classifica anche se lo spam circolante si è dimezzato rispetto a gennaio 2013.  Ma da dove proviene tutto questo spam? Secondo il Laboratorio, le false notifiche degli istituti bancari continuano a essere lo strumento principale di diffusione, non a caso il Trojan-Banker.HTML.Agent.p ha raggiungo il secondo posto nell’elenco del malware più trasmesso in Italia. La festa di San Valentino ha inoltre contribuito con  l’aumento dello scambio di cartoline di auguri via posta elettronica. Google è stata l’azienda più colpita, infatti il nome è stato utilizzato per lanciare un invio mail di massa per informare gli utenti che i loro curriculum era stato preso in considerazione. Il destinatario veniva invitato a verificare che il proprio profilo fosse corretto nel file zip allegato, studiato per rubare dati confidenziali. Inoltre, il 50,4% di spam viene prodotto in Asia con la Corea del Sud in testa.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Identity Protection. Easy with okta!

Identity Protection. Easy with okta! Okta consente di gestire questi casi tramite l’…