Home Reti & Mobile Internet of Things, Nissan craccata

Internet of Things, Nissan craccata

2 minuti di lettura
0
909
Canale Sicurezza - IoT

Internet of things: bella, attraente, smart. Chi negherebbe mai il pregio della comodità a un oggetto della quotidianità che funziona da solo? Meglio ancora se si tratta di un’automobile. E infatti, nelle ultime settimane, in televisione trasmettono uno spot il cui slogan suona come la realizzazione di una profezia: “Il futuro della guida assistita è ora”.

Proprio così. La marca automobilistica in questione è Volvo, che, a quanto pare, si è accaparrata il primato degli automezzi dotati di tecnologia per la guida assistita: qualora il conducente fosse stanco, l’automobile guida da sé.

Rivoluzione, esulteranno molti, che tuttavia sembra non aver fatto i conti con la sicurezza.

Almeno stando alle cronache in arrivo dal Giappone, dove un’altra casa automobilistica, Nissan, ha fatto segnare un altro primato: il modello Leaf è stato craccato da un gruppo di ricercatori che, da remoto, è riuscito ad assumere il controllo della centralina di bordo dell’automezzo.

L’origine del problema è stata individuata all’interno delle API implementate dall’azienda; interfacce aperte e accessibili senza autenticazione, cosicché, una volta trovati gli ultimi cinque  caratteri del codice VIN individuale specifico di ogni vettura è possibile, per chiunque disponga di una consolle, controllare l’intera automobile.

D’altra parte, le funzionalità “bucate” sono soltanto quelle relative al controllo dello stato della batteria e all’avvio della ricarica.

Nissan, cioè, è corsa ai ripari e ha limitato i danni. Insomma, da oggi, la sicurezza It ha un nuovo fronte di battaglia, forse molto più vicino al nostro quotidiano di quanto non lo sia un semplice gadget It.

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Aule Didattiche. Al Top con Netsupport!

Aule Didattiche. Al Top con Netsupport! NetSupport School è la soluzione leader nella gest…