Home Reti & Mobile Air Gapping. Proteggi la tua rete!

Air Gapping. Proteggi la tua rete!

4 minuti di lettura
0
153
Air Gapping.
Air Gapping. Proteggi la tua rete!

I rischi da ransomware e minacce informatiche di ogni genere sono in continua crescita. Proteggere la rete aziendale è uno degli obiettivi principali di ogni team IT. Il concetto di air gapping esiste da decenni. Gli hacker però sembrano superare ogni ostacolo posto sul loro cammino! Vediamo come Arcserve può aiutarci a garantire questa sicurezza.

Cosa significa Air Gapping?

TechTarget definisce l’air gaping come “una misura di sicurezza che comporta l’isolamento di un computer o una rete e impedendogli di stabilire una connessione esterna. Un computer con air gap è fisicamente segregato e incapace di connettersi in modalità wireless o fisica con altri computer o dispositivi di rete”. Il tuo dispositivo di backup non può essere violato o danneggiato da remoto senza una connessione Internet o un’altra connessione di rete o utilizzando un air gap virtuale per i tuoi backup. Ciò lascia solo un attacco fisico diretto come mezzo per ottenere i tuoi dati.

Physical Air Gapping.

Sebbene l’air gapping sia l’ultima difesa contro i disastri, può anche essere costoso in termini di manodopera. Quando il dispositivo di backup è completamente disconnesso dalla rete, l’unico modo per accedervi è tramite contatto fisico diretto. Questo limita la capacità di automatizzare i backup e, anche scegliendo una soluzione automatizzata, qualsiasi dispositivo connesso a una rete potrebbe essere compromesso. Ciò significa che accedere al dispositivo e trasferire fisicamente i dati è una buona scelta se può funzionare all’interno dell’infrastruttura. Ciò ci porta all’air gap virtuale, in cui software e processi sostituiscono la separazione fisica.

Virtual Air Gapping.

Arcserve Unified Data Protection (UDP) offre air gap virtuale replicando il Recovery Point Server (RPS) primario su un RPS secondario gestito in remoto per creare un air gap tra i sistemi. Ciò crea due sistemi autonomi con controlli separati. L’air gap risulta dall’utilizzo di una connessione sicura all’RPS secondario utilizzando un account utente normale e non amministrativo e un trasferimento di dati tramite una replica basata su blocchi. Se il server RPS primario viene compromesso, la tecnologia di replica basata su blocchi impedisce ai file interessati di raggiungere il server RPS secondario. È necessario adottare diverse altre misure essenziali per proteggere l’RPS secondario, di cui è possibile ottenere informazioni richiedendo una demo di Arcserve UDP.

Non perdere il nostro Webinar! Parleremo del ruolo svolto dall’air gaping nella protezione dai ransomware e del metodo migliore per raggiungere questo obiettivo!

Partecipa al webinar del giorno 8 maggio alle ore 10:00

REGISTRATI ORA

Approfondisci la conoscenza dei prodotti Arcserve alla pagina https://bludis.it/arcserve/ e contattaci per maggiori informazioni. Chiama lo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

NIS2 Compliance. Certo, con Gyala!

NIS2 Compliance. Gyala, grazie a una profonda e pluriennale esperienza in ambito Difesa ha…