Home Reti & Mobile Online Predators. Ancora giovani vittime!

Online Predators. Ancora giovani vittime!

7 minuti di lettura
0
609
Online Predators.

Online Predators. Ancora giovani vittime!

Barnardo’s, un’associazione benefica che si occupa di bambini nel Regno Unito, ha scoperto che ragazzi di otto anni vengono sfruttati sessualmente tramite i social media. In passato, gli intervistati più giovani avevano 10 anni. Questo, purtroppo, suggerisce una preoccupante tendenza al ribasso in corso.

La nuova trappola utilizzata dai “predatori” è il live streaming. Barnardo’s afferma che le app di streaming video come TikTok, così come lo streaming in app già conosciute come Instagram, sono entrambe estremamente popolari e molto difficili da moderare. Quando aggiungi, nei commenti in real-time pubblicati direttamente sullo streaming del soggetto, sfortunatamente si ha un ambiente già pronto ad essere sfruttato.

Proprio l’anno scorso, Barnardo’s ha condotto un sondaggio tramite YouGov nel Regno Unito e ha rilevato che il 57% dei dodicenni intervistati e il 28% dei bambini di 10 anni avevano contenuti live streaming su app che dovrebbero essere utilizzate solo dai 13 anni in su. Inoltre, circa un quarto dei giovani dai 10 ai 16 anni ha dichiarato di essersi pentito di qualcosa che avevano pubblicato online tramite live streaming.

Contrariamente all’opinione popolare sull’argomento, Barnardo afferma che, basandosi sui bambini che hanno aiutato, non esiste un profilo tipico di un bambino che tende a cadere vittima dello sfruttamento sessuale online.

Online Predators. Proteggere i ragazzi online.

Come per la maggior parte dei problemi di sicurezza, non esiste una soluzione adatta a tutti per proteggere i bambini online. È necessario disporre di differenti livelli di protezione per affrontare le complessità dell’argomento. Queste alcune domande che i genitori dovrebbero porsi:

  • Avete misure protettive in atto sulla tecnologia che usano i vostri bambini? Se hanno i social media, i loro profili sono bloccati dalla vista pubblica?
  • Hai spiegato a tuo figlio che non deve condividere i propri account o password? (Le password dovrebbero rimanere segrete e gli account non dovrebbero mai essere condivisi con nessun altro, nemmeno con gli amici più stretti.)
  • Hai parlato con i tuoi figli di comportamenti appropriati online, che tipo di condivisione è ok e che tipo non è, e perché?
  • Sai chi interagisce con tuo figlio online? Sono solo persone che conoscono di persona?
  • Tu e i tuoi figli sapete quali tipi di domande possono essere bandiere rosse? Non solo cose ovvie come chiedere il nome e l’indirizzo, ma anche dove vanno a scuola, che tipo di punti di riferimento possono vivere vicino, i nomi dei loro genitori, persino i problemi che stanno avendo – i predatori usano questo tipo di informazioni per carpire la fiducia e tentare un incontro di persona.
  • I tuoi figli si sentono al sicuro parlando con te di ciò che stanno vivendo online e si sentono a loro agio nel dirti se qualcosa non va?

Spetta ai genitori non solo mettere in atto misure protettive e instaurare un rapporto di fiducia con i propri figli, ma anche sapere come individuare i segnali premonitori dello sfruttamento o del bullismo.

Online Predators. Indicatori.

Secondo “Enough is Enough,” una no-profit con sede negli Stati Uniti che lavora per fermare questo fenomeno e vuole rendere internet più sicuro per i bambini, i cambiamenti nel comportamento di un bambino intorno all’attività online dovrebbero essere una bandiera rossa. Ad esempio:

  • Se tuo figlio si arrabbia (o è più arrabbiato del normale) per non essere in grado di andare online.
  • Se tuo figlio è improvvisamente misterioso su quello che sta facendo online al punto di cercare di nasconderlo (come mettere via il telefono o chiudere lo schermo del laptop).
  • Se tuo figlio si isola dalla famiglia o da un amico per essere online.

Online Predators. Cosa fare.

Se la tua soluzione è semplicemente disattivare Internet a casa, ricorda che i tuoi figli hanno dei modi per accedere a Internet a scuola, con i dispositivi mobili o con gli amici quando non ci sei! Oltre all’educazione sull’utilizzo di internet e dei vari dispositivi, è importante adottare sistemi di protezione adeguati.

Sophos, leader in ambito sicurezza, ti offre differenti tipologie di protezione. Per avere più informazioni consulta la nostra pagina: http://www.bludis.it/sophos/

Se invece ti interessa avere maggiori dettagli di carattere tecnico o commerciale, contatta gli specialisti Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Crowdsourced ITA. Ancora su ObserveIT.

Crowdsourced ITA. Ancora su ObserveIT. Molte aziende si concentrano sulla sicurezza ineren…