Home Reti & Mobile Cyber Aware. Tu lo sei?

Cyber Aware. Tu lo sei?

6 minuti di lettura
0
93
Cyber Aware.

Cyber Aware. Tu lo sei?

Sei veramente cyber aware? Sarebbe bello che tu lo fossi! CyberAware.gov.uk ha pubblicato l’ultimo episodio della sua campagna #OneReset, che mira a renderci tutti più sicuri online. L’idea è chiara ma allo stesso tempo difficile da discutere: se stai lottando con la cybersecurity, o sai che dovresti farlo ma non ci sei ancora riuscito perché non iniziare mettendo al sicuro il posto che racchiude più segreti su di te? Già, stiamo parlando delle e-mail!

Nonostante il mondo di app social oriented in cui viviamo come Instagram, WhatsApp, Twitter, etc. l’account di posta elettronica è sempre uno dei trofei più ambiti dagli hacker. Questo perché l’email è ancora lo strumento di recupero per molti o la maggior parte degli altri account, indipendentemente dal fatto che tu ti consideri un amministratore di posta elettronica o meno.

Cyber Aware. Rischio e-mail.

Gli hacker che violano il tuo account e-mail, spesso continuano a reimpostare le altre password. In questo modo, non solo hanno i tuoi dati ma ti bloccano su tutte le altre attività. Inoltre, l’e-mail è dove molti di noi accumulano una quantità di dati che potrebbe aiutare i cyber-criminali a fare un quadro dettagliato del nostro stili di vita, a partire dalle bollette fino alle conferme di volo e hotel.

Il sondaggio di Cyber Aware ha rilevato che più della metà degli adulti del Regno Unito conservano le ricevute nella loro casella di posta. Peggio ancora, il 30% dei britannici usa ancora una password per tutto, inclusa la posta elettronica, in modo che se una violazione dei dati si verifica su un account, i criminali entrano essenzialmente in tutti gli altri senza problemi.

Cyber Aware. Cosa fare?

Ecco alcuni suggerimenti e raccomandazioni che aiutano a capire l’importanza delle password insegnano come sceglierle nel modo più efficace.

  • Ogni account ha bisogno di una password “decenti”. Non cadere nella trappola dell’uso di una password “facile” per gli account che ritieni meno importanti. Se un hacker accede a uno dei tuoi account è già un passo avanti per accedere anche agli altri.
  • Password diversa per ogni account. Rendi la vita difficile agli hacker non utilizzando mai password uguali o simili per più account.
  • Utilizza un “password manager”. Un gestore di password può immediatamente inventare password nuove e stravaganti per ogni account, non le dimenticherà o le mescolerà, renderà più facile cambiare la password se mai lo avrai, e ti aiuterà a impedire che tu inserisca la giusta password nel modo o posto sbagliati.
  • Usa 2FA quando puoi. 2FA è l’abbreviazione di autenticazione a due fattori. Avviene con quei codici di accesso monouso che vengono inviati al telefono o generati da un’app. 2FA rende il log in leggermente meno conveniente per te, ma molto più difficile per i criminali. La sola password non è più sufficiente per entrare in un account.

Infine, prendi in considerazione l’utilizzo di Sophos Home. È una protezione di tipo aziendale ma sviluppata per gli utenti domestici. La versione Premium include la tecnologia all’avanguardia di Sophos Intercept X.

Per avere informazioni sui prodotti Sophos consulta la nostra pagina: http://www.bludis.it/sophos/ e se vuoi maggiori dettagli di carattere tecnico o commerciale contatta gli specialisti Bludis allo 0643230077 o invia una e-mail a sales@bludis.it

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Cybersecurity 2019. 10 Best Practices.

Cybersecurity 2019. Dieci Best Practices per il nuovo anno. Mentre il 2018 si chiude rapid…