Home Reti & Mobile Blockchain. Come è applicato alla cybersecurity.

Blockchain. Come è applicato alla cybersecurity.

11 minuti di lettura
0
659
Blockchain.

Blockchain. Come è applicato alla cybersecurity.

Ci stiamo abituando a conoscere nuovi fantastici progetti utilizzando blockchain. Dai mercati online all’energia verde, ognuno è impegnato a lanciarsi in questa nuova sfida. Promesse future, lanci appariscenti, impressionanti white paper! Va tutte bene. Ma per quanto riguarda i casi di utilizzo pratico a partire dalla cybersecurity?

Blockchain. Cybersecurity, come?

Ogni volta che si parla di blockchain, si entra quasi sempre in discorsi ipotetici. Questo è vero in relazione ai mercati government e al commercio, ed anche per la cybersecurity. Ma la sicurezza informatica è un problema pressante, che costa all’economia globale circa 450 miliardi di dollari all’anno. Quindi, piuttosto che speculare su come la blockchain possa alla fine risolvere i problemi di questa industria problematica, quali problemi sta affrontando ora? E quali aziende si sporcano le mani (per così dire)? “Blockchain ha un sacco di “genuine use cases”, afferma Nick Bilogorskiy, Cybersecurity Strategist di Juniper Networks, “ad esempio storage decentralizzato, prevenzione di frodi e furti di dati e infrastruttura a chiave pubblica distribuita per l’autenticazione dell’utente o del dispositivo.”

Blockchain. Multi-Factor Authentication.

Gli attacchi DDoS (Deliberate Denial of Service) sono una delle minacce di cybersecurity più diffuse al giorno d’oggi. Sono dilaganti e diffusi principalmente grazie al nostro Domain Name System esistente. Quando teniamo i dati in una posizione centralizzata, è infinitamente più facile penetrare. Con la struttura decentralizzata della blockchain, distribuendo informazioni sui nodi, i sistemi diventeranno praticamente impossibili da hackerare.

“Invece di tutte le password degli utenti gestite in un unico database nel centro operativo di una azienda, ogni individuo detiene la propria chiave privata”, afferma Nick Spanos, fondatore del Bitcoin Center di New York. “Aziende come Equifax e Wells Fargo non gestiranno mai più le informazioni come hanno fatto. Dovrebbe avvenire un hackeraggio contemporaneamente su milioni di utenti, una impresa molto più difficile “.

Vincitore del Microsoft Blockchain Incentive award, la startup REMME sta attualmente prevenendo attacchi informatici a società grandi e piccole. Eliminando lo spazio per l’errore umano e il semplice sistema di password one-step ampiamente utilizzato, chiudiamo la finestra per gli hacker opportunisti che cercano password facilmente scribacchianti. La soluzione di REMME è basata sul decentralized ledger e gestisce e autentica utenti e dispositivi tramite l’autenticazione a più fattori. Ciò elimina le possibilità di predire l’obiettivo più semplice per gli hacker (password deboli).

L’azienda, inoltre, sta collaborando con diverse piattaforme Bitcoin per aiutare a prevenire attacchi di phishing come l’attacco Bitfinex che ha perso $ 60 milioni (120.000 BTC al momento). Offrono la sicurezza di una piattaforma autorizzata basata su principi di crittografia e un semplice accesso a un clic 2FA.

Blockchain. Improving IoT Security.

Uno degli ostacoli maggiori sulla strada della crescita dell’IoT è la costante minaccia della sicurezza dei dispositivi. Secondo una ricerca di Gemalto, il 96 percento delle aziende e il 90 percento dei consumatori ritiene che i loro dispositivi IoT non siano sicuri e che dovrebbe essere prevista una regolamentazione governativa. La loro preoccupazione principale è che un hacker possa prendere il controllo del proprio dispositivo o il furto di dati personali.

Quando i baby monitor e i dispositivi medici sono infettati da Malware, e le principali case automobilistiche perdono il controllo sui loro veicoli, la preoccupazione del pubblico è comprensibile. Il pensiero di perdere il controllo della tua macchina o dell’apparato respiratorio sicuramente genera panico. Ma anche qui la blockchain sta iniziando a mostrare alcuni risultati.

IBM ha una lunga storia di innovazione. Quindi non è sorprendente che siano in prima linea quando si tratta di tecnologia blockchain. La piattaforma IBM Watson IoT consente ai dispositivi IoT di trasmettere dati ai blockchain ledgers. Questi dati vengono quindi inclusi nelle transazioni e nei record condivisi che sono resistenti alle manomissioni e convalidati tramite contratti sicuri e intelligenti.

Il gigante australiano delle telecomunicazioni Telstra sta assistendo al successo utilizzando blockchain per proteggere gli ecosistemi IoT della “casa intelligente”, verificando l’identità delle persone attraverso i dati di autenticazione biometrica archiviati. E IOTA sta anche mostrando la promessa per il ridimensionamento dell’IoT attraverso la sua tecnologia Tangle.

Blockchain. Filling the Talent Gap.

Potrebbe sembrare che ci sono abbastanza ingegneri informatici. Si scopre però che c’è una certa carenza di “talenti” quando si parla di sicurezza informatica. La disoccupazione nel settore si aggira attorno allo zero. Ciò significa che quando si presentano nuove posizioni, sono estremamente difficili da riempire. E con le continue sfide della tecnologia emergente (e con loro, maggiori minacce informatiche) entro il 2020, Frost & Sullivan prevede almeno 1,8 milioni di posizioni vacanti nel settore della sicurezza informatica.

Aziende come PolySwarm, un marketplace antivirus decentralizzato, incentivano i tecnici di tutto il mondo a contribuire alla lotta contro la criminalità informatica. Ciò non solo conferisce al “talento” la possibilità di emergere, indipendentemente dalla posizione, istruzione o storia, ma aiuta anche a rilevare il crimine informatico più velocemente.

Il tempo di permanenza (la quantità di tempo in cui un virus rimane dormiente all’interno di un sistema prima di attivarsi) è una delle minaccepiù gravi. Questo significa che la velocità è essenziale! Con l’ex CIO di McAfee Antivirus Mark Tonnesen come consulente del team PolySwarm, fermare i cybercriminali e impedire gli attacchi sta diventando una realtà.

Blockchain. Non tutti sono d’accordo.

Naturalmente, anche il dibattito sulla blockchain e la sua idoneità come tecnologia infuria in tutto il settore della sicurezza informatica. Nonostante il crescente numero di casi d’uso e il crescente slancio per la blockchain, non tutti sono d’accordo sul suo potenziale.

Cody Swann, CEO di Gunner Technology, afferma: “Siamo stati sommersi da richieste di app blockchain da parte di imprenditori. Sfortunatamente, nessuno di questi prodotti ha superato l’alfa sulla blockchain. Perché? Perché nella stragrande maggioranza dei casi, la blockchain è una scelta inferiore alla maggior parte delle tecnologie. ”

Anche Peter Tran, vicepresidente di Worldpay e responsabile della strategia di difesa e sicurezza informatica globale, non è molto entusiasta della tecnologia blockchain finora. Crede che l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico abbiano il sopravvento nella lotta contro il crimine informatico. E anche il risanamento delle infrastrutture esistenti potrebbe non essere una realtà economica.

La sfida sarà nel rendere la tecnologia blockchain più facile, più efficace e più economica da usare. Ma è incoraggiante sapere che la blockchain sta già risolvendo molti dei nostri problemi e può solo migliorare!

Articolo tratto da Coincentral a cura di Christina Comben

Altri articoli correlati
Altri articoli da Redazione
Altri articoli in Reti & Mobile

Leggi anche

Instagram flaw. Nuove vulnerabilità!

Instagram flaw. Nuove vulnerabilità! Instagram ha individuato una falla nella sicurezza ch…